LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PASSA ANCHE ATTRAVERSO LE COOPERATIVE

LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PASSA ANCHE ATTRAVERSO LE COOPERATIVE

Il pentolone di malaffare scoperchiato a Roma è vergognoso. Bisogna fare pulizia, senza guardare in faccia nessuno. Sarebbe sbagliato, però, fare di tutta un’erba un fascio. Un conto sono i reati gravi di cui è accusato Salvatore Buzzi, capo della cooperativa “29 giugno”. Un altro conto è criminalizzare tutto il movimento cooperativo, buttando insieme con l’acqua sporca realtà imprenditoriali che producono valore aggiunto e lavoro. A fine 2013 in Veneto erano attive 3.684 cooperative con circa 700 mila soci. Nel 2012 le imprese cooperative venete hanno prodotto 6 miliardi di euro di valore aggiunto, il 4,5 per cento dell’intera economia della regione. È sul fronte occupazionale, però, che la cooperazione esprime il suo massimo potenziale: secondo l’ultimo censimento in Veneto le cooperative hanno 111 mila occupati, pari al 5,9 per cento del totale. Tra le prime venti province per incidenza dell’occupazione nelle cooperative troviamo Verona al settimo posto e Rovigo al ventesimo. Rispetto a dieci anni prima l’aumento è del 23,4 per cento, uno dei più alti tra le regioni italiane. Le 819 cooperative sociali iscritte all’albo regionale danno lavoro a migliaia di svantaggiati, offrendo servizi come assistenza agli anziani, assistenza a domicilio, gestione di asili nido e strutture per disabili.

La cooperazione, in definitiva, rappresenta una componente cruciale dello sviluppo, dell’occupazione e della coesione sociale della nostra regione. La sfida, oggi, è rinnovare i valori storici della mutualità in un contesto in profonda trasformazione. Tra questi, i valori di trasparenza e legalità, da riaffermare combattendo senza quartiere chi viola le leggi e le regole. Le istituzioni pubbliche devono essere al fianco delle cooperative in questa sfida, con l’obiettivo di promuovere e sostenere un sistema di imprese che può dare un grande contributo alla ripresa economica e sociale del Veneto.


Tags assigned to this article:
sviluppoterritorio

Related Articles

La classifica dell’attività politica dei nostri parlamentari europei

Nicola Caputo, del Group of the Progressive Alliance of Socialists and Democrats in the European Parliament ovvero rappresentante del PD,

DALLE PRIMARIE LA SPINTA PER CAMBIARE IL VENETO

39.619 grazie! È questo il primo pensiero di fronte al risultato delle primarie di domenica 30 novembre. La risposta degli

RIPARTIRE PER ESSERE ALL’ALTEZZA DELL’EUROPA

In questi giorni, per questioni di lavoro, mi è capitato di leggere il report “EU Regional Competitiveness Index (RCI) 2013”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*