Rinnovamento e continuità

Rinnovamento e continuità

In questi anni mi sono impegnato come Sindaco del Comune di Cadoneghe in momenti anche di estrema difficoltà.

Per mettere a frutto questa mia esperienza ho accettato di mettermi a disposizione dell’Amministrazione che verrà: per questo sostengo il candidato Sindaco Michele Schiavo nelle elezioni del 25 Maggio prossimo.

Sono convinto che questa mia disponibilità assicuri alla cittadinanza di poter contare su un interlocutore esperto del territorio, garantisca nel futuro la piena realizzazione di ciò che si è avviato in questi anni. Credo inoltre che sia importante assicurare alla prossima Amministrazione continuità, concretezza ed innovazione, senza perdita di tempo, con coraggio.

Sono disponibile a collaborare con la nuova Amministrazione con la concretezza di sempre, quella stessa concretezza che da fuori Cadoneghe ci riconoscono e apprezzano, insieme alla qualità del servizi erogati nel nostro territorio. Affronteremo con coraggio e ambizione le nuove sfide che si propongono, puntando a migliorare ancor di più i servizi, migliorando nei metodi e nei tempi le risposte alle esigenze del cittadini., diminuendo ancora i costi della macchina pubblica per riversarli nei servizi sociali, da sempre prima voce del nostro bilancio.

Conoscendo la struttura dei problemi e le opportunità che si possono presentare sono certo di poter usare bene la competenza acquisita, desideroso di rispondere esclusivamente agli interessi del territorio e della collettività, con l’onestà ed il rigore dimostrate in questi anni senza false promesse.

Ma vorrei utilizzare questo spazio anche per presentare Michele Schiavo.

Michele ha 48 anni. Da sempre abita e vive il nostro territorio di Cadoneghe. Lui, la moglie e le due figlie qui sono nati e vivono. Suo padre, Giuseppe, è stato l’ultimo responsabile del Consorzio Agrario di Mejaniga. E’ lavoratore impiegato in una ditta di macchine utensili per la lavorazione del legno di Campodarsego che opera soprattutto in campo internazionale. Fa parte della Comunità Missionaria di Villaregia. E’ un laico impegnato nel sociale ed in politica. Fa parte dal 2009 del Partito Democratico. Prima non è mai stato iscritto ad altri partiti pur avendo sempre avuto a cuore la vita amministrativa del comune. E’ consigliere e assessore all’Ambiente dal 2009. In questo ruolo Michele ha dimostrato, oltre alle capacità di buon amministratore, anche di saper dir di no, dote fondamentale in un periodo difficile come quello che stiamo attraversando, in cui è più facile promettere tutto.

Quello che entrambi ci sentiamo di promettere senza esitare, ma con slancio e convinzione è la serietà del nostro impegno.

Non mi troverai tra i possibili candidati e quindi non ti chiedo di indicare il mio nome come preferenza,  ti chiedo, invece, con la consueta franchezza, di scegliere come sindaco Michele Schiavo, tracciando un segno sul suo nome nella scheda domenica 25, perché ritengo sia la proposta più credibile per il paese che viviamo e per le sfide che lo attendono.


Tags assigned to this article:
politica

Related Articles

La difesa è sempre legittima?

di Laura Trovò – Per questa prima uscita ho deciso di scrivere di legittima difesa. No, evidentemente non si tratta

CEMENTO SOCIALE: DALLA RETORICA DELLA CEMENTIFICAZIONE ALLE NECESSITÀ SOCIALI DI ABITAZIONE

La povertà cresce e, tra le altre cose, servono più case pubbliche. La richiesta è in costante e veloce aumento:

Ludopatia emergenza sanitaria, la Regione intervenga subito

La Regione Veneto deve emanare quanto prima una legge su slot machine e video lottery. I numeri parlano chiaro, siamo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*